Perché la NASA Sta crollando la Sua Navicella Cassini, in Saturno

0
6

Il 15 settembre, la NASA invierà la navicella Cassini, sfrecciando verso Saturno a più di 70.000 km all’ora, rispetto alla Terra. Cassini continuerà la sua discesa verso il gigante di gas mondo fino a quando la navicella si disintegra nell’atmosfera di Saturno e, pertanto, viene distrutto, le misurazioni e l’invio di dati sulla Terra fino alla fine.

Il 20-year missione è di andare in un tripudio di gloria, perché la navicella non ha abbastanza carburante per razzi a sinistra per continuare l’esplorazione di Saturno, i suoi anelli e le sue lune, come ha fatto per gli ultimi 13 anni. Piuttosto che correre il rischio della sonda si schianta contro una delle lune di Saturno, in futuro, lune che potrebbe tenere il potenziale per ospitare la vita, gli scienziati hanno deciso deliberatamente di inviare Cassini su un incidente di percorso nell’atmosfera del pianeta.

Sapevate? 6 Sonda Cassini Fatti

  1. Cassini ha preparato per la sua discesa finale da aprile 2017.
  2. Cassini, farà la sua scienza, fino alla fine.
  3. Cassini ha fornito la più alta risoluzione mai gli anelli di Saturno.
  4. Cassini ha uno sguardo più da vicino a Saturno meteo.
  5. Cassini, insieme con la sonda Huygens, ha rivelato sorprendentemente simili alla Terra, la natura della più grande luna di Saturno, Titano.
  6. Cassini ha rivelato che la luna di Saturno, Encelado, uno dei più promettenti luoghi del sistema solare per ospitare la vita.

Saperne di più sul perché si dovrebbe celebrare questa straordinaria missione Cassini ultimi giorni.

1. Cassini ha preparato per la sua discesa finale da aprile 2017.

In quello che la NASA sta chiamando il Gran Finale, Cassini ha effettuato una serie di 22 che sfidano la morte immersioni attraverso l’ ~1200 miglia ampio divario tra il pianeta Saturno e la sua enorme anello di sistema. Cassini è la prima sonda ad entrare in questa regione, una mossa che era troppo rischioso prendere in considerazione, mentre la navicella aveva ancora abbastanza carburante per continuare la sua normale missione.

Una volta che gli scienziati della NASA hanno deciso di Cassini si sarebbe dovuto incontrare la sua scomparsa – e quindi non aveva nulla da perdere – hanno diretto la sonda per ricevere una gravitazionali assistere dal più grande luna di Saturno, Titano, in modo che il veicolo spaziale potrebbe cambiare il corso verso il vuoto.

2. Cassini, farà la sua scienza, fino alla fine.

Quando la capsula si tuffa verso Saturno, di continuare a prendere misure per quanto tempo si può tenere la sua antenna di trasmissione rimandano a Terra, in modo che gli scienziati possono raccogliere ogni ultimo bit di dati possibile. Uno strumento, la sonda chiamato spettrometro di massa, per esempio, di prendere le misure sulla composizione dell’atmosfera, come si tuffa e avvicinandosi alla superficie planetaria.

Altre misure la sonda giorni finale sarà la mappa di Saturno gravità e campi magnetici, che possono aiutare gli scienziati a capire la struttura del pianeta. Tali informazioni potrebbe aiutare a risolvere un mistero: la mancata corrispondenza tra Saturno velocità di rotazione (aka quanto tempo un giorno su Saturno), come misurato dalle sonde Voyager contro Cassini stesso quando è arrivato il pianeta.

3. Cassini ha fornito la più alta risoluzione mai gli anelli di Saturno.

Durante tutta la sua missione, la sonda Cassini è stata la prima sonda a studiare la dimensione, la temperatura e la composizione degli anelli di Saturno da un orbita intorno a Saturno. La sonda ha raggiunto le interazioni tra gli anelli e le lune di Saturno, tra cui la scoperta che i getti d’acqua dalla luna di Saturno, Encelado sono principalmente responsabile per il materiale in uno di Saturno principali anelli conosciuto come l’anello E.

Le particelle in saturn’s rings hanno dimensioni che vanno da un granello di sabbia di una grande montagna. In tutto il suo Gran Finale, Cassini, ripetuto vicino approcci hanno fornito la più alta risoluzione mai preso gli anelli di Saturno. Queste immagini consentono agli scienziati di fare un lavoro più completo censimento di quanto materiale è in anelli e quindi meglio mettere insieme la loro storia d’.